Durata 6 ore

Le Ville Lucchesi sono veri e propri palazzi di campagna, si ritrovano per lo più nella zona collinare che circonda la Piana di Lucca e rappresentano un patrimonio storico di notevole importanza e indubbia bellezza.

Le ville cominciarono a essere edificate dal XV secolo come residenze estive alternative a quelle invernali in città, per volere delle famiglie più agiate che, con i commerci esteri in prevalenza della seta, videro crescere enormemente le loro ricchezze.
Queste prestigiose residenze sono ancora, per la maggior parte, in mano ai privati attraverso passaggi di generazione in generazione. 

La struttura delle ville lucchesi è propria di un’opera d’arte: la tipologia unica della struttura residenziale a stretto contatto con la natura, l’inserimento di ambienti legati all’uso del suolo agricolo e la presenza al contempo di saloni per feste e ricevimenti, ha creato un ambiente inter Ligato con la propria storia.
Vasti Giardini ricchi di piante anche rare, affreschi di scene bucoliche mitologiche, statue e giochi d’acqua tra olivi e vigneti completano il ricco contesto.

Nella costruzione di queste opere di borghesia urbana si è modificato il paesaggio rurale tenendo come considerazione primaria la bellezza. I visitatori si trovano a contatto con una pluralità di valori che spaziano tra architettura e paesaggio, agricoltura e attività tradizionali in un’atmosfera contemplativa e intima.

Visiteremo tre ville adiacenti con un percorso cronologico:

Villa Oliva

Si visita solo il giardino.
La villa è di origine quattrocentesca attribuibile al famoso architetto e scultore Matteo Civitali, con un bellissimo giardino a terrazze.

Villa Grabau

Affrescata e arredata con mobilia originale, posta in un immenso giardino ricco di piante rare.
Spiccano il piccolo teatro di verzura e la bellissima Limonaia.

Villa Reale

Si visita solo il giardino.
Nata come fortezza alto-medievale, abitata dal duca di Tuscia, deve il suo aspetto odierno a Elisa Bonaparte principessa di Lucca nel 1806 che inglobò nella proprietà la Villa del Vescovo e la Villa dell’orologio.
Di eccezionale bellezza i giardini con vasche, giochi d’acqua e un superbo teatro di verzura con statue di terracotta.

Pausa pranzo

Una pausa, per assaporare le ricette più tipiche della zona e al pomeriggio concluderemo il nostro tour alle due Ville più scenografiche: Villa Mansi e Villa Torrigiani.

Villa Mansi

Iniziata nel XVI secolo su un probabile edificio anteriore, presenta una facciata manieristica di notevole impatto.
Il parco all’inglese sostituì quasi completamente l’originario impianto a cui lavorò, nel 1700, il famosissimo architetto messinese Filippo Juvarra.

Villa Torrigiani

Spettacolare rifacimento voluto dal marchese Santini, ambasciatore lucchese alla corte del re Sole, di una più antica villa, ci appare in tutto il suo stile barocco, ispirato alla Versailles di André Le Notre.
I viali scenografici, le grottesche, il ninfeo dei venti e i giardini alla francese nonché l’interno, sontuosamente arredato con preziose tappezzerie in seta, dimostrano le fortune raggiunte dai mercanti Lucchesi.
La Cappella seicentesca e il piccolo borgo “Parigi” fanno parte del progetto originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *